LA STORIA

La storia FOIST

LA STORIA

Il Laboratorio FOIST (“Formazione, occupazione, informazione, servizi, territorio”) per le Politiche Sociali e i Processi Formativi è stato fondato nel 1977 all’interno dell’allora Dipartimento di Economia, Istituzioni e Società dell’Università degli studi di Sassari dal prof. Alberto Merler, al fine di incoraggiare gli studenti dei suoi corsi di sociologia presso la Facoltà di Magistero a lavorare e creare relazioni durature con le loro comunità.

In realtà, la storia del Laboratorio è iniziata molto prima, già agli inizi degli anni 70 con la formazione dei primi gruppi di lavoro degli studenti e gruppi territoriali di studio, diventati poi, verso il 1974, veri e propri gruppi di ricerca sui servizi di utilità sociale. Questo lavoro bibliografico svolto dagli studenti è diventato il primo nucleo del centro di documentazione del Laboratorio FOIST.

La missione del FOIST è sempre stata quella di educare, formare e condividere conoscenze e informazioni con le comunità, e come tale è stato progettato per supportare l’azione e la ricerca della comunità, oltre a diventare un punto di riferimento per studenti e professionisti come un “centro di documentazione”. Questo centro di documentazione ha messo strumenti, documenti e materiali a disposizione di una crescente comunità di professionisti tra cui studiosi e ricercatori universitari, ma anche amministratori pubblici, assistenti sociali ed educatori, specialisti e studiosi fuori dall’università. In questo modo, FOIST ha realizzato la necessità sentita dalle autorità accademiche di promuovere l’università come un’istituzione di servizi alla comunità, stabilendo relazioni tra comunità accademiche e locali e promuovendo la ricerca verso l’azione sociale e il cambiamento.

Durante gli anni ’80 e ’90, FOIST ha ospitato numerosi workshop tra cui uno sulla devianza dei minori (1992) e uno con alcuni detenuti del carcere dell’Asinara in cui studenti, amministratori e carcerati hanno lavorato insieme (1995). Questi workshop hanno facilitato le connessioni tra generazioni e tra gruppi di diversa provenienza, hanno creato solidarietà di gruppo e alla fine hanno portato all’istituzione di un corso di auto-formazione in psichiatria. Questo corso, “Beyond the Wall: Coordinamento per la salute mentale” (1994), ha consentito a studenti e ricercatori di impegnarsi nell’emancipazione ed emancipazione di famiglie e pazienti, sperimentazione, azione trasformativa.

Nel 1998 – in rappresentanza dell’Università di Sassari – i ricercatori del Laboratorio FOIST hanno aderito a un consorzio di associazioni civiche (Consorzio SIS: Sviluppo dell’imprenditoria sociale), dove hanno lavorato a diversi progetti di ricerca, formazione e consulenza per e con organizzazioni no profit. I progetti di ricerca si sono concentrati sulle dimensioni pratiche del settore non profit in Sardegna, così come sugli aspetti teorici dell’esperienza non-profit dal punto di vista sociologico. La formazione comprendeva corsi di master sulla conduzione e la gestione di organizzazioni non profit e seminari più brevi per addetti ai lavori.

Gli studenti di FOIST sono stati anche coinvolti in un programma incentrato sulle maisons familiales rurales (“scuola famiglia rurale”). Il progetto mirava a contrastare l’abbandono delle aree rurali da parte dei giovani attraverso la valorizzazione della conoscenza locale e del “savoir faire”. Per supportare il progetto, FOIST ha utilizzato fonti di finanziamento sia private che pubbliche e ha sviluppato collaborazioni internazionali. Questo progetto a lungo termine mirava a valutare la fattibilità di una scuola famiglia rurale con partecipanti e amministrazioni provenienti da diciotto comuni. FOIST ha fatto questo attraverso la classica ricerca, oltre a più attività partecipative tra cui: incontri pubblici, visite di scambio e attività di informazione e sensibilizzazione e un seminario internazionale nel 2001. A causa di complicate questioni legali e mancanza di continuità all’interno di alcune istituzioni, la scuola famiglia rurale non è stata poi realizzata. Tuttavia, il progetto ha sollevato una considerevole consapevolezza da parte delle comunità, in particolare sulle questioni educative legate allo sviluppo della comunità.

In tempi più recenti, gli studenti del dottorato in Servizio Sociale e Politiche Sociali hanno partecipato a un progetto di advocacy territoriale in un quartiere svantaggiato, dove hanno usato interviste, focus group e incontri pubblici per capire cosa pensavano i membri della comunità della loro situazione presente e quali erano le loro speranze per il futuro. Il progetto si inseriva in un più ampio programma chiamato Equity and Sustainability Field Hearing lanciato da Initiative for Equality, un’iniziativa mondiale che coinvolge oltre 250 partner in 80 paesi che sono stati scelti per dare voce alle comunità emarginate nel dialogo globale e nei processi decisionali sullo sviluppo sostenibile.

Le attività formative del Foist sono sempre state indirizzate principalmente agli studenti di Servizio Sociale e di Educazione, ma anche a professionisti, in particolare assistenti sociali, educatori e lavoratori degli enti del Terzo Settore. Sebbene il Laboratorio FOIST si sforza di superare la classica dicotomia tra formatore e tirocinante, lo staff del laboratorio è composto da ricercatori che sono stati formati essi stessi attraverso le attività del FOIST durante diverse fasi della loro formazione, compresi i dottorati di ricerca. In questo modo, la ricerca ha facilitato e continua a facilitare la formazione dei formatori. Inoltre, i formatori hanno anche migliorato le loro competenze nella ricerca partecipativa attraverso esperienze di studi in Europa (grazie a un programma Erasmus consolidato fondato sulla pace e l’interculturalità di scambio denominato Euromir) e oltre (in particolare attraverso scambi di lunga durata e collaborazioni con colleghi del Nord Africa, Giappone, Brasile).